Ascolta "Le parole italiane che derivano dall'arabo" su Spreaker.
Istruzione,  Podcast Ascolti

Le parole italiane che derivano dall’arabo

Un’enorme quantità di vocaboli italiani deriva dall’arabo: testimoni del dialogo secolare, dalla scienza alla cucina, fra le due sponde del Mediterraneo.

Rivista di Babbel su questo podcast riporta:

Durante l’epoca medievale e rinascimentale, la cultura scientifica araba raggiunse livelli di assoluta avanguardia. Così le grandi menti europee si rivolsero a Sud, cercando in ogni modo di reperire i preziosi testi di matematica, di chimica, di astronomia, conservati nei luoghi di potere e di studio del Nordafrica e del Medioriente. E tra i risultati vi fu una massiccia importazione di termini di cui – in italiano – non esistevano corrispettivi.


4 Verticale
Le parole italiane che derivano dall'arabo
Le parole italiane che derivano dall’arabo


Insomma, di parole italiane che derivano dall’arabo ce ne sono a bizzeffe (a proposito, “bizzeffe” proviene direttamente dall’arabo magrebino bizzaf, “molto, in abbondanza”) .
E c’è posto anche per i “tamarri”. Sì, perché il termine proviene da tammar, venditore di datteri in arabo… Pare che si vestissero in maniera tutt’altro che sobria.

Fabio Crestale

Ascoltatore "seriale",  passo notti insonni per aiutarti a scoprire i migliori Podcast italiani.

Rispondi

0