Blog

Podcast, definizione e fruizione

Prima di tutto una breve introduzione sui Podcast.  

Se sei già un consumatore di questi contenuti audio, salta pure questa parte. 

Per definizione tecnica, si considera Podcast

un contenuto audio originale, ovvero non replicato  e già veicolato precedentemente via FM o DAB. Di norma è gratuito.

Questi file audio non sono altro che trasmissioni Radio on-demand, impropriamente considerati Podcast per comodità linguistica. 

Purtroppo per noi appassionati, sono ancora la fetta maggiore d’ascolto e di classifica.  

Se dalle ultime statistiche disponibili (2017),

si evince che 1 americano su 4 ascolta podcast regolarmente, non altrettanto si può affermare per noi italiani. Come afferma Tiziano Bonini sul suo articolo Il mercato dei Podcast “… quel che conta, per i podcaster americani e per gli investitori che ci credono, è il ritmo di crescita: nel 2016 sono stati investiti 167 milioni di dollari, il 48% in più dell’anno precedente, e secondo BridgeRatings le stime di crescita della pubblicità nei podcast si attestano intorno al 25% ogni anno fino al 2020, quando il mercato dovrebbe raggiungere i 395 milioni di dollari (contro gli attuali 17,6 miliardi di dollari del mercato pubblicitario radiofonico americano). La crescita della pubblicità va di pari passo con l’aumento degli ascoltatori mensili. Se nel 2008 erano il 9% della popolazione americana di più di 12 anni, secondo Triton Digital nel 2016 erano il 21% (57 milioni). Tra questi 57 milioni, secondo Podtrac i podcast di This American Life e Serial da soli hanno 4,6 milioni di ascoltatori al mese e Radiotopia, uno dei network più importanti, circa 2,9 milioni.” 

La fruizione dei podcast avviene per la maggior parte attraverso i device mobili (smartphone in primis),

in cui il principale player di distribuzione Podcast mondiale iTunes, ha una fetta di mercato pari al 15% , negli USA la fa da padrone sfiorando il 44%, mentre in Italia siamo al 20% .

Va da sé che quasi tutta la torta (85%) non viene consumata a causa di un difficile accesso ai contenuti audio da parte degli utenti  non  dell’ecosistema Apple e non statunitensi. 

Non esiste infatti una app ufficiale e preinstallata per l’ascolto dei Podcast con Android.  

Naturalmente nel Play Store ne esistono molte e pure gratuite, ma questo comporta una conoscenza e soprattutto una volontà per accedervi che non è scontata per gli utenti non tecnologicamente avanzati. 

Qualcosa sta facendo Google con la comparsa di episodi in Serp, e la pubblicazione della sua app. Google Podcasts.

4.

Se ascolti i podcast, quale app di podcast player usi?

Nel Podcast di The Libsyn, condividono i numeri di download dei podcast (dalla loro piattaforma) per app, che può essere un riferimento per la quota di mercato delle app di podcast ( questa è la clip esatta che parla di questi numeri ):

  1. Apple Podcasts: 62.53% (up)
  2. Spotify: 6.18% (up)
  3. Overcast: 2.98%
  4. Podcast Addict: 2.19%
  5. Castbox: 2.14%
  6. Stitcher: 2.06%
  7. Pocket Casts: 1.58%

meno dell’ 1%:

  • Podbean
  • Player FM
  • Podcasts
  • Downcast
  • iHeart Radio
  • Tunein Radio

Naturalmente puoi usare il sito di PodcastMania per ascoltare immediatamente gli episodi in streaming.

Buon Ascolto!

Fabio Crestale

Ascoltatore "seriale",  passo notti insonni per aiutarti a scoprire i migliori Podcast italiani.

Rispondi

0