» » Tossicodipendenza da Podcast

Tossicodipendenza da Podcast

pubblicato in: Podcast Curati, Tecnologia | 0

Sono ossessionato dai podcast e non posso passare un giorno senza ascoltarne diversi.

Così ho pensato: sono un tossicodipendente di podcast.

Ascoltare le voci nella propria testa è storicamente un segno di follia. Ma per me, è il contrario.

Negli ultimi dieci anni, i podcast hanno assunto un ruolo sempre più dominante nella mia routine quotidiana, fino al punto in cui sembra quasi sbagliato quando non c’è una voce nel mio cervello, oltre la mia.

Francamente, sono un tossicodipendente. Ascolto i podcast mentre cucino (male); mentre rigoverno i piatti e quando vado in bicicletta; di notte e in rare occasioni, quando non faccio assolutamente nulla.

Grazie ai podcast, non sono mai solo.

Ma ultimamente sembra che la paura di perdere qualsiasi novità nella mia coda di ascolto, mi abbia lasciato perdere completamente qualcos’altro.

Per quanto ne so, non esistono studi clinici che abbiano condotto test sugli effetti a lungo termine dell’esposizione prolungata ai podcast. Non ho bisogno di statistiche, tuttavia, per alimentare i miei sospetti sul fatto che andare in giro ad ascoltare le voci di altre persone tutto il tempo, ha probabilmente deformato il mio modo di pensare e indebolito un po’ di creatività.

Il costante flusso di contenuti mi ha reso un pensatore più passivo; uno spettatore della vita? Ascoltare le idee degli altri in ogni momento crea un buffer che potrebbe tenere le mie idee immerse nel mio subconscio.

Quasi tutto ciò che penso mentre ascolto Strategia Digitale, Marco Montemagno, Digitalia o anche storielibere.fm è una stratificazione in più su qualsiasi cosa abbia appena sentito.

Fortunatamente, c’è stato un modo semplice per scoprire se stare a sentire tanti Podcast ha avuto un bilancio negativo. Tutto quello che dovevo fare era appendere le cuffiette per un po’.

E’ tempo per me di ascoltare qualcos’altro: niente.

Il piano era di fare un detox-podcast di una settimana. Due settimane erano troppe. Potrebbe sembrare un po’ ridicolo per un simile esperimento determinare solo 7 GG di stop, ma all’inizio stavo quasi male.

Sarebbe stato il più lungo periodo senza qualcosa da ascoltare in quasi 10 anni.

Unica eccezione un audiolibro Storytel alla sera prima di addormentarmi, quasi effetto metadone. Si sa che gli audiolibri non sono Podcast.

Una settimana in cui l’unica voce nella mia testa sarebbe stata la mia.

IL SUONO DEL SILENZIO

La prima cosa che ho notato è la mancanza di un rito, come i fumatori.

Si dice che quello che manca a un fumatore sia il gesto dell’avere la sigaretta fra le dita. A me è mancato il rituale della ricerca podcast più e più volte al giorno.

Prendevo lo smartphone in mano e non sapevo cosa farci.

Lavorando in proprio poi, durante le ore in cui le mie attività quotidiane sono più propizie alla digestione dei podcast, ho sentito il peso della quiete indesiderata che ha soffocato l’aria con la calma, una grande assenza uditiva.

Mentre passavano le ore  di lavoro in cui sicuramente non avrei ascoltato i podcast, ho cercato di indovinare chi sarebbero gli ospiti di oggi negli spettacoli che ho sempre ascoltato, e cosa avrebbero avuto da dire sugli ultimi sviluppi della politica in corso.

Dopo un paio di giorni di pendolarismo ho cominciato a percepire pienamente il silenzio. Mi sono immerso nei suoni della campagna, uccelli misteriosi e invisibili, il poco traffico e i lavori stradali erano la mia unica colonna sonora. Il più delle volte, ho scoperto che girare in bici senza altre voci nella mia testa mi ha lasciato sintonizzato sul feed principale della mia psiche: le preoccupazioni.

La buona notizia è che dopo essere stati lasciato con le proprie preoccupazioni abbastanza a lungo, non si ha altra scelta che esaminarle. E una volta che ho iniziato a esaminare regolarmente le mie preoccupazioni ho potuto considerarle esattamente per il tempo necessario a renderle noiose.

Quando sei lasciato a riflettere sulle tue preoccupazioni non filtrate abbastanza a lungo, alla fine ti sposterai oltre e su altri pensieri.

IL MONDO REALE

Mi sono svegliato un giorno con un paio di pensieri che hanno richiesto di essere annotati immediatamente, qualcosa che non era accaduto da un po’. Come se rimuovere i podcast dalla mia routine non liberasse un po’ il rubinetto di creatività dentro di me.

Passando attraverso il mondo con solo i miei pensieri, non più  schiavo dei contenuti audio, stavo interagendo con il mondo . Quando ho controllato il mio smartphone e il suo report settimanale di lavoro sullo schermo, mi sono reso conto che il tempo di interazione era diminuito del 60%. Purtroppo non posso postare lo screenshot perchè ho dovuto formattare il telefono.

IL MIO NUOVO REGIME DI PODCAST

Una volta terminato l’esperimento, ho dato una scorsa ai dati del mio sito. Nulla era cambiato, la media di visite e utenti era ancora quella. se non adirittura aumentata un pochino.

Confortante? Sicuro. Divertente o illuminante? Decisamente.

Inoltre, ero stupito di quanto mi ero abituato alla relativa tranquillità. Avrei potuto facilmente fare altre due settimane di astinenza da podcast.

Il ritmo di una vita trascorsa ascoltando le conversazioni di altre persone è ripresa rapidamente, però. Già dal secondo giorno, ho quasi dimenticato il mondo esterno e i suoi suoni.

Per mantenere la mia nuova connessione con il mondo esterno, ho deciso di implementare due importanti cambiamenti alla mia esistenza audio. In primo luogo, diminuire la mia coda di podcast.

In secondo luogo, togliere ogni giorno uno Show dalla mia abitudine di ascolto. E’ un modo per infondere un po’ di moderazione nella mia routine, e fermarmi ad annusare le rose, o piuttosto, ascoltare il cinguettio di quegli uccelli misteriosi di tanto in tanto.

Chissà se avere meno voci nella mia testa significa che sentirò di più di ciò che il mondo e il mio subconscio hanno da dire in futuro.

Ma sicuramente ascolterò.

Ti è stato utile questo Post?

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Avatar
Segui Fabio Crestale:
Ascoltatore "seriale",  passo notti insonni per aiutarti a scoprire i migliori Podcast italiani.
Avatar
Ultimi post da

Lascia una recensione

Rispondi

  Subscribe  
Notificami